Auto ibride e elettriche – Come la mobilità diventa sostenibile

auto ibride elettriche

La mobilità può diventare sostenibile? Oggi questo è un argomento di forte discussione. Il nostro traffico è ancora dominato dalle auto a combustibile, ma il numero di vetture ibride e elettriche aumenta di giorno in giorno. La mobilità elettrica può davvero essere la risposta per creare un traffico green, in grado di rispettare l’ambiente e di restituirci un’aria più pulita nelle nostre metropoli.

Oggi la mobilità sostenibile è realtà. Scopriamo insieme quali sono i vantaggi e le caratteristiche principali delle vetture ibride e elettriche.

Ibride e elettriche: le differenze

Iniziamo con le differenze tra queste due tipologie di auto. Le macchine elettriche in senso stretto non utilizzano alcun tipo di alimentazione alternativa. Hanno all’interno del motore una batteria piuttosto capiente, in grado di garantire un’autonomia variabile. Oggi molti modelli riescono a percorrere in media 300 km con una sola ricarica, ma esistono anche proposte più performanti.

Le auto ibride utilizzano un doppio motore benzina e elettrico. Esistono diverse configurazioni di auto ibride: troviamo le hybrid plug-in, le full hybrid e le mild hybrid. Le hybrid plug-in sono le più diffuse, perché riescono a garantire buone prestazioni e bassi consumi.

Le auto elettriche sono davvero prive di emissioni, e non hanno neanche il tubo di scappamento. Le auto ibride producono emissioni, ma in quantità minima rispetto alle macchine a benzina.

Tempo di incentivi

Le istituzioni stanno facendo la loro parte, promuovendo incentivi su più livelli. In questo modo si cerca di rendere vantaggioso e accattivante l’acquisto di auto ibride o elettriche.

Spiccano gli ecobonus, degli incentivi che le istituzioni forniscono per l’acquisto di auto con basse emissioni. Sia le elettriche che le ibride rispondono a questa caratteristica. Il bonus a seconda delle condizioni può arrivare fino a 6.000€, un valore in grado di fare gola davvero a tanti automobilisti, desiderosi di passare alla mobilità sostenibile.

Tra i vantaggi economici ricordiamo anche l’assenza del bollo auto per i primi cinque anni. Le auto elettriche ne sono totalmente esentate, mentre le auto ibride vanno incontro a forti riduzioni della tassa. A seconda della regione di residenza incontrerete un regime di tassazione differente. Sul sito ACI potete trovare tutte le info di cui avete bisogno.

Anche gli enti locali stanno promuovendo iniziative e norme per favorire le auto elettriche. Alcuni comuni scelgono di esonerare queste vetture dal pagamento dei parcheggi blu. Altri scelgono di ammetterle gratuitamente nelle zone ZTL, senza rischio di multe o contravvenzioni.

Una rete efficiente

La presenza delle auto elettriche sta cambiando anche il nostro panorama stradale. Non è raro incontrare sui nostri itinerari delle postazioni di ricarica, dove troviamo le ormai celebri colonnine. La loro presenza è fonte di garanzie per gli automobilisti, che possono viaggiare senza timore di restare senza energia elettrica.

La tecnologia viene in nostro aiuto. Sui nostri smartphone possiamo scaricare delle app dedicate, che ci permettono di scoprire dove si trovano le postazioni di ricarica sui nostri percorsi. Sono molto comode quando ci troviamo in zone che non conosciamo, e anche per organizzare i nostri viaggi tenendo in considerazione le soste per la ricarica.

Ad oggi il loro numero è in crescita, grazie all’opera combinata di aziende private e istituzioni. Anche fuori dalle grandi città è ormai facile trovare le colonnine elettriche. Una rete davvero efficiente è un importante incentivo per favorire la diffusione di questi modelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *